Cambio Casa, Cambio Vita!
1 dicembre, 2014
2

Come trasformare un piccolo appartamento di 45 mq
Una sfida al centimetro: un mini appartamento sfruttabile a 360 gradi.

Cliente
Lorenzo, giovane single

Esigenze
Bagno capiente con lavanderia e cabina armadio

Soluzioni
Funzionalità, essenzialità
 
 

 

Single (ma non troppo)

Lorenzo è un giovane single milanese che ha da poco acquistato un mini appartamento comunicante con quello della sorella attualmente all’estero. Un ragazzo socievole con tanti amici (mai quanti i suoi vestiti!) che ama il divertimento tanto quanto il relax.
«Ho bisogno di un ambiente solare che rispecchi il mio carattere. Ora l’appartamento è troppo malinconico»
 
 

New Look

Lorenzo desidera un volto totalmente nuovo per il suo appartamento, un ambiente datato e molto trascurato. Gli spazi seppur contenuti, non sono sfruttati come dovrebbero, necessitano di una rivisitazione completa. Riesco dunque a mantenere poco di quello che già c’è, il mio intervento sarà radicale: impossibile infatti recuperare i bagni, la camera da letto e la cucina esistente. Lorenzo vuole un soggiorno più confortevole e la cucina abitabile per poter organizzare cene e ricevere gli ospiti. E un bagno ampio che preveda una doccia capiente e una zona lavanderia. Ultimo ma non ultimo, vista l’importanza per Lorenzo, la cabina armadio.
 
 
1
 

Abbattiamo i muri

Letteralmente. Necessario per ripartire da zero e ridefinire la struttura dei 45 mq della casa. Il living è diventato zona notte, il soggiorno + cucina lo abbiamo spostato a sinistra dove prima c’era la camera, mentre a destra abbiamo previsto la camera da letto e la cabina armadio.
 
 
2
 

Una scelta “Bucolica”

Procedendo con la progettazione ci siamo imbattuti in un grosso problema di tipo estetico: un muro spoglio (quello del bagno) ad accoglierci all’entrata. Come migliorarlo? Grazie a una  boiserie “bucolica” scelta anche per le porte, la stessa, in versione bianca, che abbiamo scelto di utilizzare per l’intero ingresso. Ecco che si delinea un mood total white seguito applicando sulla boiserie delle placchette bianche . Mentre per gli altri ambienti, abbiamo preferito una finitura più decisa, come l’inox.
 
 
3
 

Protagonisti: i rivestimenti

I veri attori di questo progetto che hanno (ri)vestito il mini appartamento: gres porcellanato effetto pietra per la pavimentazione e ripreso nel top e nello schienale della cucina. Resina invece, per rivestire la doccia stondata.
 
 

 

L’importanza del Dettaglio

Fondamentale per dare carattere a un ambiente così ristretto. Per Lorenzo ho scelto le stampe fotografiche di Ferruccio Zanvettor (per saperne di più vedi arte&co) che regala scorci urbani di una Milano in bianco e nero. Insieme a una  selezione di tessuti per le tende e il copriletto.
 
Tanti stravolgimenti in uno spazio così piccolo, cosa pensate del risultato?
 
Photo credits: Ferruccio Zanvettor – Gate 8
Credits: Grohe (rubinetteria) – Pozzi e Ginori (sanitari) – Irsap (termorredi) – Ariston (cadaia) – Bertolotto Porte (porte e boiserie) – Spi Finestre (infissi) – Saidel Group (rivenditore arredo bagno) – Gewiss (placchette elettriche) – Rapid Mix (resina) – Kale Italia (pavimenti e rivestimenti) – Iba Moisaici (posatori rivestimenti) – Ferruccio Zanvettor -Gate8 (stampe fotografiche) – V& N Interiors (tessuti per tende e copriletto)
Thanks to: Pianca (mobili) – Scalise Costruzioni (impresa edile) – Claudio Tacchio (posa resina) – Kasthall (tappeto) – Mondadori

 
 
 

Cambio Casa, Cambio Vita!
1 dicembre, 2014

MOSTRA COMMENTI

(2 Commenti)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Guarda i prodotti utilizzati