Interior project
21 ottobre, 2016
3

slider

 
Ciao a tutti, pronti per una nuova pillola di pura praticità dedicata alle vostre case?
Il consiglio di oggi riguarda una dritta di stile che potrebbe sembrare banale, ma fidatevi, non lo è affatto. Sto parlando del modo migliore e dell’altezza perfetta che bisognerebbe scegliere per appendere un quadro. Un dettaglio da non sottovalutare, perché una parete ricca di cornici ben disposte, potrebbe rivoluzionare con poco l’intera stanza. Avete trovato vecchie foto o siete finalmente riusciti a selezionare le immagini più belle delle nozze e non vedete l’ora di posizionarle? Bene, seguite queste mosse semplici ma efficaci per garantirvi un risultato equilibrato e molto scenografico!
 
foto1
 

La distanza perfetta

È di circa un metro e mezzo dal pavimento. L’altezza ideale per appendere quadri o cornici senza che questi intralcino o disturbino l’equilibrio della stanza.
 

Il motivo?

Questa è la distanza ideale perché corrisponde all’altezza visiva media percepita a colpo d’occhio. Funziona perché cattura l’attenzione senza irrompere con troppa prepotenza nel contesto.
 

Realizzare un muro-galleria

Agli appassionati di fotografia o di quadri in generale, consiglio sempre di riservarsi un muro da dedicare interamente ai loro ricordi più cari. Per evitare un risultato troppo caotico però, è consigliabile partire appendendo al centro la cornice più grande e via via di ancorare intorno quelle piccole e piccolissime.
Il risultato? Sarà a dir poco convincente – e a costo (quasi) zero!
 
 
A prestissimo con il prossimo consiglio ;)!
Andrea
 
 
 

Interior project
21 ottobre, 2016

MOSTRA COMMENTI

(3 Commenti)

  • Helda ha detto:

    Credo che quadri o fotografie dovrebbero essere più o meno all’altezza degli occhi e inscritti in una ipotetica figura geometrica, con soggetti similari

  • Anna ha detto:

    Ciao Andrea io sono appassionata di fotografia e quando decido di incorniciare sono in dubbio..il passpartu secondo te ci deve sempre essere? E il colore della cornice? Io vedo che quando le metti tu usi un colore X tutta la composizione però meglio stare sul nero bianco o una colorata?

  • Andrea Castrignano ha detto:

    ciao Anna, penso che il passepartout sia molto utile per dare risalto alla foto, ma non c’è una regola a proposito. Fidati del tuo istinto! Di solito per la cornice scelgo un colore particolare se ha senso coordinarlo come richiamo a dei complementi di arredo già presenti nell’ambiente. Se non hai abbinamenti da fare allora via libera al bianco o al nero!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*