Interior project
25 Novembre, 2014
1

[layerslider id=”9″]

Come rivisitare lo stile classico
Una casa tra i carugi: i protagonisti? Relax e accoglienza

Cliente
Silvio e Rosa, due coniugi in pensione

Esigenze
Rivisitare lo stile classico della casa senza rinunciare ai mobili antichi


Soluzioni
Sobrietà, qualità e accesibilità

 

Lupo di mare

Silvio, genovese che ha trascorso la vita in mare, ha raggiunto il traguardo della pensione. La moglie Rosa, casalinga ex insegnante, è una cuoca provetta e una maga del bricolage. Una coppia sorprendente – i loro siparietti sono stati il leitmotiv di tutto il nostro lavoro – dai gusti classici ma aperti a una visione più contemporanea. Mi hanno contattato per ristrutturare in modo definitivo e completo il loro appartamento affacciato su una piazzetta fra gli stretti carugi della città di Genova.
 
«Andrea, conquistaci con la tua visione lineare. Potresti convincerci a cambiare idea e ricrederci sul classico».
 
 

Mischiamo le carte

Sono dovuto partire dalla revisione degli ambienti: ora disposti in maniera decisamente poco pratica. Sostituisco la zona notte (la parte più rumorosa della casa, affacciata alla piazzetta) con la zona giorno, così da godere di pranzi baciati dalla luce del sole ligure. La stanza di Chiara, la figlia ormai sposata e lontana da casa, diventa lo studio che, grazie a un divano letto, può all’esigenza diventare camera degli ospiti. Il bagno, troppo stretto e scomodo, dev’essere trasformato in un ambiente ampio e confortevole, di cortesia, abbinato a un secondo, padronale, riservato soltanto alla coppia. L’impronta classica della casa deve rimanere: la sfida è quella di mantenere l’atmosfera rétro rendendola più fresca e fruibile.
 
 
1
 

Sogni leggeri

La camera matrimoniale è il luogo più tranquillo di tutta la casa (l’ho posizionata sul lato più silenzioso della casa). Ho mantenuto il bianco, colore predominante, soltanto per il soffitto, mentre per le pareti ho scelto un beige chiaro. Ho inserito un’antica cassettiera di legno con ripiano in marmo, una nicchia scoperta dove custodire i libri più amati e un vano in cui riporre gli oggetti d’uso comune, in funzione di uno spazio più ordinato. Grandi doghe di parquet prefinito in teak per il pavimento e punti luce ai lati del letto.
 
 
camera
 

Servizio + Cortesia

Come richiesto i bagni sono diventati due. Uno di cortesia e uno padronale. Nel primo ho posato a terra lo stesso parquet presente nelle altre stanze e rivestito le pareti con tessere di mosaico in varie tonalità di marrone. In contrasto con la ceramica candida dei sanitari e del lavabo d’appoggio. Insieme a una pietra naturale denominata Sophia beige e agli accessori bagno tra cui maniglioni in ottone cromato per il sottolavabo.
 
 

 

Praticità Gourmand

Ho reso la cucina comunicante con il soggiorno per conferire una sensazione di maggiore libertà di movimenti. Ho inoltre accolto il desiderio espresso da Rosa di avere un numero di vani sufficiente per conservare i prodotti da dispensa in modo ordinato. Nessuna barriera quindi tra cucina e accesso al living, così la convivialità tra amici non avrà interruzioni. Per illuminare l’ambiente ho scelto una lampada a sospensione in vetro satinato bianco.
 
 
cucina3

 

Amanti del classico, che ne pensate, vi ho convinti a mixare stile rétro con visioni più fresche e moderne?
A presto,
vi abbraccio,
Andrea
 
 
 
Photo Credits: Gianpaolo Finizio
Credits: Itias (pavimenti in legno), Santa & Cole (applique), Trend (Mosaico bagno), Grohe (Rubinetteria), Scarabeo (lavabo), Kaldewei (vasca), Colombo Design (accessori bagno), Penta (lampada a sospensione)
 
 
 

Interior project
25 Novembre, 2014

MOSTRA COMMENTI

(Un commento)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Guarda i prodotti utilizzati