Interior project
3 Dicembre, 2014
3

[layerslider id=”33″]

Appartamento minimal: come arredarlo al meglio con oggetti di design
Un posto nel mondo: che bello quando coincide con casa propria.

 

Cliente
Riccardo, giovane fotografo di moda


Esigenze
Cura al dettaglio (possibilmente di design)


Soluzioni
Convertibilità, sintonia, semplicità
 
 

Globetrotter

Riccardo, giovane fotografo di moda con base a Milano, dopo gli studi si è trasferito prima a Berlino poi a Stoccolma, dove ha iniziato ad apprezzare la purezza del design nordico e ad accrescere la sua passione per l’architettura e il design. Tornato a casa ha voluto riorganizzare gli spazi di una casa appartenuta ai suoi nonni.
«Confesso che non ti conoscevo ed ero un po’ diffidente, perché sei un personaggio della tv»
 
 

CASA dolce CASA

Riccardo ha le idee chiare: essendo una persona molto ordinata, vuole organizzare gli spazi in modo essenziale e senza appesantirlo (ricordate la passione per le linee del design nordico?). Il suo appartamento è la sua isola felice che lo accoglie dopo ogni suo viaggio. Fondamentale per il suo relax: la luminosità naturale che entra dalle ampie vetrate del balcone, affacciato sulla via principale.
 
 
living2
 

Luce e Natura

L’appartamento è suddiviso in tante piccole stanze che Riccardo desidera allargare. Consiglio quindi di ridurre il corridoio centrale così che la luce del sole possa illuminare gli ambienti nella loro interezza. Tra le volontà (chiarissime) di Riccardo c’è l’utilizzo di materiali naturali (come legno e pietra): che in questo caso si adattano perfettamente all’architettura del palazzo. Per lui scelgo quindi rifiniture e colori che creino un’equilibrata armonia fra la tradizione classica e il design scandinavo; un’atmosfera elegante e raffinata con spazi rinnovati e arredati da elementi forti, ma non ingombranti. Partiamo: addio vecchio parquet, benvenuto pavimento industriale in teak.
 
 
dettagliocamera
 

Deluxe Suite

Dotata di cabina armadio e bagno dedicato, la camera padronale ha l’aspetto di una vera e propria suite rivolta verso la corte interna. I colori richiamano tinte naturali nelle sfumature di bianco, beige, crema e marrone. Sul pavimento ho posato il medesimo parquet dai toni molto caldi usato negli altri spazi della casa. Per supportare la luminosità naturale, ho previsto diversi punti luce. Con l’aiuto del committente, la stanza è stata arredata con uno specchio anni Cinquanta che, insieme a due sedie della stessa epoca, dà carattere all’ambiente. Per il riposo ho scelto un letto su ruote, comodissimo da spostare, e lampade sospese in stile underground.
 
 
dettaglio2
 

Black&White

Ho creato profondità alternando sulle pareti del bagno fasce larghe di pietre chiare ad altre strette di pietre scure, le stesse con cui ho rivestito il pavimento. Per guadagnare spazio e rendere più intensa la luminosità, ho scelto un mobile dotato di ante in acciaio specchiato e di un top in pietra con foro per lavabo a incasso + rubinetteria con manopole a stella. Il top poggia direttamente sul muretto che ospita la vasca, collocata al posto della vecchia doccia.
 
 
bagno
 

Il tavolo dei nonni

L’ingresso del living è caratterizzato dalla presenza importante della boiserie in rovere. Per disegnarla, mi sono ispirato ai rettangoli del portone di ingresso all’edificio. Per aumentare l’effetto di continuità, la parete che fa da sfondo alla libreria è stata dipinta con la stessa tonalità scura della boiserie. La parete che affaccia sul balcone è invece resa neutra da una sfumatura molto chiara di grigio. Per armonizzare con eleganza i contrasti, ho posizionato oggetti e mobili bianchi sulla libreria verde scuro. Al centro della parete grigio chiaro ho posizionato un tavolino tondo dell’Ottocento – appartenuto ai nonni di Riccardo – che ho laccato con la stessa tonalità verde scuro della libreria. Nella parete di fronte alla libreria, una porta scorrevole argentata separa il living dallo studio.
 
 

 
Photo Credits: Helenio Barbetta
Credits: Vitra (sedie), Fantini (rubinetteria), Benetti (rivestimento pietra), Kaldawei (vasca da bagno), Scrigno (porte), Colombo (maniglie).
 
 
 

Interior project
3 Dicembre, 2014

MOSTRA COMMENTI

(3 Commenti)

  • Rita ha detto:

    Molto interessante e bellissimo l’armadio, in primavera finalmente vedremo questo tuo nuovo lavoro, seguito spero da tanti altri. Il letto con ruote è molto comodo, si può sapere di che ditta è? Sono ancora indecisa fra il letto Aldino di Pianca e Ghost di Gervasoni e anche questo mi sembra interessante, ma tu mi hai consigliato Pianca 🙂 ciao, Rita

  • Rita ha detto:

    Avevo già messo un commento ma non c’è!!!

  • Rita ha detto:

    E invece il commento c’è…pardon 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Guarda i prodotti utilizzati