Cambio Casa, Cambio Vita!
7 gennaio, 2015
5

Cambio Casa, Cambio Vita – 3°edizione, 2° episodio

Cliente
Paola, Marco e il piccolo Leonardo

Esigenze
un bagno in più e spazi più fruibili

Soluzioni
continuità e modernità
 
 

 

L’UDIENZA è TOLTA!

Marco è un ragazzo che ho conosciuto in palestra, avvocato. E’ sposato con Paola, (anch’essa avvocato!) e da lei ha avuto da poco un bimbo di nome Leonardo. I due vivevano in un piccolo bilocale quando l’appartamento adiacente al loro (con una stanza in più) si libera. Decidono di acquistarlo, ma essendo un classico trilocale anni Settanta con un pavimento diverso per ogni stanza, è necessaria una profonda ristrutturazione per adattare i nuovi spazi ad una famiglia che si sta ampliando. Serve un bagno in più e una zona giorno più spaziosa e vivibile. Prima cosa: uniformare i pavimenti. Ce n’erano ben 5 differenti che, avendo demolito praticamente tutti i tavolati interni esistenti, non è stato possibile recuperare (che peccato!).
 
 

TOTAL WHITE

Sapevo che Paola avrebbe insistito per avere una casa effetto scatola bianca, per cui la scelta è ricaduta su un parquet che mi riscaldasse l’ambiente. Abbiamo progettato una cucina che non fosse invasiva, e scelto un tavolo in cristallo che non appesantisse l’ambiente.
 
 
1
 

OpTiCaL

Con Paola sono sceso a compromessi per quanto riguarda il colore delle pareti. Di ricorrere al bianco ottico non me la sono proprio sentita, troppo impersonale, per cui le ho proposto di utilizzare un color ghiaccio chiarissimo abbinato al mio, ormai celebre, blu balena impreziosito da un effetto materico. Si è fidata e, a lavoro ultimato, mi ha dato ragione.
 
 

 

A prova di bambino

Per questioni di praticità, avendo un bambino piccolo, abbiamo deciso di non posare il parquet in bagno, cosa che tendo a fare di solito, prediligendo un gres porcellanato effetto legno. Incredibile come l’effetto di continuità non sia venuto a mancare introducendo un materiale diverso… Ritagliare gli ambienti in questo appartamento non è stato semplicissimo: i metri erano pochi e le esigenze tante per cui, per riuscire ad inserire il secondo bagno, sono ricorso alla soluzione “doccia passante” e, piuttosto che avere un piccolo soggiorno e una piccola cucina, ho preferito creare uno spazioso ambiente unico.
 
 
3
 

MORALE della favola?

Tutti gli appartamenti, anche quelli che possono sembrare banali e scontati, coi dovuti accorgimenti possono trasformarsi in case da sogno, fatte su misura per chi, poi, le vivrà.
 
 
Credits: Villeroy & Boch (sanitari) – Itlas Labor Legno (parquet) – Pessina cucine (cucina e mobilio su misura zona giorno e bagni) – Pianca (tavolo e sedie) – Emilceramica (pavimento e rivestimento bagni) – Metropolis (pareti materiche blu balena).
 
 
 

Cambio Casa, Cambio Vita!
7 gennaio, 2015

MOSTRA COMMENTI

(5 Commenti)

  • Elisa ha detto:

    Ciao Andrea, complimenti per la “ristrutturazione” del blog!
    Ne approfitto per un consiglio: ho un soggiorno di dimensione molto simili a quello di Paola e Marco e anche io ho optato per un tavolo molto minimal (slim di Sovet Italia, con piano in vetro bianco). Che tipo di sedie posso abbinaci e di che colore?
    Mi piacciono molto i modelli di Vitra (Eames Plastic Side) o meglio una sedia imbottita? Starei sul beige/marrone scuro, per riprendere il colore del Parquet. Ah, per darti un’idea il soggiorno è dipinto col Sikkens sabbia g00580 e il tavolo poggia sulla parete W0 05 65.

    grazie mille!

    Elisa

  • andrea castrignano ha detto:

    Ciao Elisa,
    hai visto che bello il nuovo blog! Sono contento che ti piaccia, ne vado molto fiero! Per il tuo tavolo minimal ti consiglio di abbinare modelli leggeri e dalle linee decise. La Eames Plastic Side di Vitra oltre a essere un pezzo di design unico è anche una delle mie sedie preferite, la trovo davvero bellissima! E penso possa stare benissimo con il tuo tavolo slip, ancor di più se le scegli nella tonalità beige chiaro. Spero di averti aiutato, e quando il tuo soggiorno sarà completato mandami qualche foto così posso vedere il risultato finale. Ti mando un caro saluto, a presto. Andrea

  • Pasquale ha detto:

    Ciao Andrea, ti confesso che questo è uno dei migliori lavori che mi ha entusiasmato e che prendo da spunto per molte soluzioni progettuali soprattutto per la particolarità di aver sfruttato al centimetro ogni spazio a disposizione. Per questo lavoro hai scelto ottimi materiali, devo dire che il gres porcellanato effetto legno è unico e si sposa benissimo con il parquet. Gli elementi che mi hanno appassionato molto in questa ristrutturazione sono stati i bagni sia per la loro disposizione progettuale sia per la particolare posa in opera del materiale…
    Il risultato è da ritenersi sublime….
    Un grosso in bocca al lupo 😉 e buon lavoro.
    P.s Aspetto le tue nuove puntate!!! Ciao Andrea

  • Gina ha detto:

    Progetto e risultato molto raffinati. I colori e i materiali che hai usato sono i miei preferiti.
    Sono in fase di ristrutturazione e sono alle prese con il dilemma Rapporto tra PARQUET/ZOCCOLINO/CORNICI PORTE, tra teorie, scuole di pensiero e gusti vari.
    Inizialmente avevo scelto parquet e zoccolino in rovere naturale (Itals stupendo per l’effetto naturale che restituisce) e porte dello stesso materiale (difficile da trovare nello stesso tono in versione economica). Ora sto virando sulle porte bianche per una soluzione più economica, mantenendo lo zoccolino in rovere, e dal tuo intervento vedo che è anche una buona soluzione estetica. Non voglio arrendermi allo zoccolino bianco.Puoi darmi una tua opinione?

  • andrea castrignano ha detto:

    Carissima Gina,
    è un peccato che tu debba archiviare la soluzione parquet, zoccolino e porte in rovere naturale perché sono certo avrebbe dato un tocco decisamente molto raffinato e coerente allo spazio. Capisco però che l’alternativa più economica possa essere per te quella più interessante e in ogni caso la trovo ugualmente azzeccata come soluzione. E sicuramente anche facilmente abbinabile allo zoccolino in rovere che ben si sposa ai toni chiarissimi della porta e che in tutta sincerità preferisco alla scelta di uno zoccolino bianco. Ancora deciso a non arrenderti o sono riuscito a dissuaderti? 😉 Un caro saluto Gina e fammi sapere cosa sceglierai. A presto. Andrea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Guarda i prodotti utilizzati