Interior project
26 Novembre, 2014
0

[layerslider id=”2″]

Come si arreda un appartamento quando ci sono degli animali?
Charm felino: spazi nuovi, materiali e ambienti a prova di quattro zampe.

 

Cliente
Angelo e Rita, una coppia amante degli animali


Esigenze
Un appartamento che sia a misura di animale


Soluzioni
Essenzialità, eleganza e luminosità

 

Una coppia amante degli animali

Angelo e Rita, una coppiadi Piadena trasferitasi da tanti annia Milano, hanno volutofesteggiare il loro ventesimo anniversariodi matrimonio affidandomila ristrutturazione della loro casa. Possiedono un’azienda di cosmetici,lavorano tantissimo e non hannomai avuto il tempo di occuparsidell’arredamento con la cura dovuta. Amano il quartiere in cui abitanoe le dimensioni dell’appartamentosono perfette per le loro esigenze: ora è il momento di trasformarlo nella casa della loro vita.

«La nostra casa è a misura di gatto: ne abbiamo due, i nostri amati Tobia e Geremia»
 
 

Rispetto per il sonno e per gli amici a quattro zampe

Angelo e Rita mi hanno lasciato molta indipendenza: l’unico vincolo è di non buttare il materasso in cashmere alto cinquanta centimetri appena comprato (e ci mancherebbe!). I gatti, si sa, hanno bisogno dei propri spazi e richiedono un arredamento con poche suppellettili. Per la prima volta devo impegnarmi a rendere felici non solo i committenti, ma anche i loro animali domestici!
 
 
LETTO
 

Essenzialità, Eleganza, Luminosità

«Andrea, perdona la spudoratezza, ma la vogliamo uguale!» Ho fatto centro al primo colpo! Angelo e Rita venendomi a trovare nel mio studio hanno notato la modernissima cucina componibile in esposizione, che chiusa si presenta come un gigantesco cubo bianco ma che, una volta aperta, svela tutti gli elementi necessari. Come posso non capirli? Anzi, l’entusiasmo dimostrato per quel modello mi aiuta a intuire meglio i loro desideri. Scopro che Angelo e Rita sono due persone molto ordinate, quasi maniache della pulizia, il che è dettato anche dalla presenza di Tobia e Geremia, che reclamano spazio e cure! Decido dunque di adottare il criterio dell’essenzialità come principio ispiratore del progetto.
 
 
living_3
 

Riordinare le Idee

La prima cosa che noto quando visito la casa è la luce intensa che entra dalle grandi finestre a tutta altezza. La posizione al quarto piano offre una vista molto piacevole, tuttavia i colori delle pareti non sono adatti: mi colpisce in particolare il bagno, dove alle piastrelle di un verde azzurrognolo trovo abbinato un intonaco color lampone. Il problema maggiore però, è la distribuzione degli spazi, poco funzionale di per sé, si adatta male alle esigenze dei committenti.
 
 
Bagno
 

Uno snack in compagnia

La cucina precedente era buia e piena di mobili, distante dalla zona pranzo. Lo studio era troppo ampio e non veniva utilizzato quasi mai. Ho quindi proposto ad Angelo e Rita di eliminarlo, e di spostare la cucina unendola al soggiorno. Il risultato è un grande living dove mangiare tutti insieme. Il modello di cucina scelto dalla coppia è minimale e molto versatile: è costituito da un’isola con fuochi e da una superficie sfruttabile sia come piano da lavoro (essendo realizzata in Solid Surface, un materiale all’avanguardia, resistente e a prova di chef), sia come piano snack. E per ottenere ancora più pulizia ho nascosto cappa nel controsoffitto. Avendo unito diversi locali per creare uno spazio unico, il living ora è molto ampio e la luce che entra dalle finestre illumina ogni parete. Pensando alle impronte di Tobia e Geremia, ho optato per un pavimento facile da pulire e tenere in ordine: il gres porcellanato che riproduce l’effetto del legno è il miglior compromesso tra estetica e praticità. Per rendere intimi gli ambienti, ho preso spunto dal manto dei due gatti: ho scelto i colori delle pareti e dell’arredamento sulle tonalità di beige e grigio caldo.
 
 
CUCINA
 

2 is BETTER  than 1

Nella casa di Angelo e Rita, da un bagno unico molto grande, ma con i sanitari così vicini al lavabo da rendere difficile ogni movimento, ho ricavato due ambienti: il bagno padronale con doccia spaziosa – rivestita in gres effetto cemento – rivisto totalmente rispetto al precedente, abbandonando le piastrelle per lasciare spazio a pareti dipinte con pittura materica lavabile, e una piccola lavanderia accessibile dal corridoio. Il tutto reso ancora più accogliente dal calore del termoarredo, elegantissimo in finitura cromata
 
 

En plain Air

Uno dei punti di forza dell’appartamento è il balcone, il campo giochi di Tobia e Geremia, che ha però bisogno di una rinfrescata. Come? Grazie a delle fioriere, alla copertura del condizionatore (non c’è niente di meno estetico di un impianto lasciato nudo) e alla lamiera brunita utilizzata per realizzare una casetta per i due gatti.
 
 
Chissà cosa ne pensano Tobia e Geremia della ristrutturazione e come si trovano nei nuovi spazi. Voi che ne pensate?
Aspetto i vostri commenti!
A presto,
un abbraccio
 
Andrea
 
Photo Credits: Gianpaolo Finizio, endstart photo
Credits: Frigerio Salotti (Divano), Gigi Villa (Libreria in lamiera), Auge 21 (Cucina, Mobile tv, Dispensa, Cappa)
Foscarini (sospensioni e lampada), Galleria Rossi (Quadri), Ergon (pavimento), Disegno Ceramica (lavabo), Ponsi (rivestimento bagno), Colombo Design (accessori bagno), Pinotti Valentino (specchio), Disegno Ceramica (sanitari), Geberit (placca scarico), Deltacalor (termoarredo), Oikos (pittura materica pareti), Ceramica Provenza (rivestimento doccia).
 
 
 

Interior project
26 Novembre, 2014

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Guarda i prodotti utilizzati