arte&co.
27 giugno, 2016
0

Vi presento l’artista della settima puntata della sesta edizione di Cambio Casa, Cambio Vita!

Colori polverosi e mood molto contemporaneo. Sono state queste le linee guida che abbiamo tenuto in considerazione quando abbiamo pensato alle opere d’arte da abbinare alla casa e alla personalità di Franck. Un artista che potesse raccontare la natura, il paesaggio e soprattutto che desse grande spazio al cielo e alle sue infinite variazioni. Si intravedono anche le stelle, vera passione del nostro committente!
 
È Alessandro Spadari che ci conduce in un bellissimo viaggio, dove la natura diviene l’unica vera protagonista e dove paesaggio esteriore e paesaggio interiore si compenetrano in una pittura attenta alle variazioni tonali. Una pittura che si può definire emozionale, dove le colature di colore divengono sinonimo di pioggia o acqua che scorre e le spruzzate di bianco simboleggiano nevicate o cieli stellati in un’atmosfera irreale.
 
 
FOTO1
Alessandro Spadari – Terra del fuoco – 2011 – Tecnica mista su tela cm 100 X 120
 
Possiamo sempre identificare un orizzonte o la sagoma d un paesaggio controluce che determina la prospettiva dell’opera. Riusciamo a cogliere una distanza di osservazione che ci permette di assaporare tutte le variazioni del colore. Il paesaggio diviene astrazione e l’atmosfera e le sensazioni diventano protagonisti.
 
 
FOTO2
Alessandro Spadari – Acqua di stelle – 2008 – Tecnica mista su tela cm 60 x 80
 
L’artista racconta la sua storia di “figlio d’arte che ha sempre visto e vissuto la pittura”, quella che gli ha trasmesso anche il suo amore per il cinema e la letteratura. Partito dalla riflessione sul paesaggio attraverso un approccio di tipo scenografico, la ricerca dell’artista si concentra sullo spazio inteso non come sfondamento prospettico, ma come luogo dove affiorano i moti dell’animo e gli stati psicologici, secondo quella linea romantica dei paesaggisti dell’Ottocento, da William Turner a Caspar David Friedrich.
 
 
FOTO3
Alessandro Spadari – Crinale – 2006 – Tecnica mista su tela cm120 x 80
 
Dice l’artista: “Io credo e spero anche per chi si trovi davanti a una mia opera, che questa susciti passioni ed emozioni come lo si può intendere parlando di poesia. Quando inizio a dipingere non ho la consapevolezza del risultato. E’ forse la stessa cosa che accade con lo scrivere: un continuo sovrapporre e selezionare parole e conformarle secondo una sensibilità e capacità d’esecuzione”.

arte&co.
27 giugno, 2016

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*